TINTEGGIATURE INTERNE

Ogni casa ha un proprio stile e una propria personalità. Per questo deve essere valorizzata con la giusta combinazione di materiali, decorazioni e colori. La scelta deve per ciò essere curata nei minimi particolari e personalizzata in relazione al tipo di ambiente e al risultato che si desidera ottenere.

A tal proposito, esistono sul mercato varie tipologie di tinteggiature, tra cui le seguenti:

  • Tempera: pittura a base vinilica usata preferibilmente per l'imbiancatura di soffitti e/o pareti di vani secondari, come garage e cantine. Permette una discreta traspirazione delle superfici.
  • Pittura lavabile: è la classica pittura per le tinteggiature interne. Oltre ad avere un elevato potere coprente è facilmente lavabile, proprietàche permette di eliminare eventuali macchie di sporco senza asportare il colore.
  • Pittura idrorepellente: è una pittura dotata di ottima impermeabilitàe traspirabilità. Per questo puòessere utilizzata in ambienti caratterizzati da un'elevata presenza di vapore, come bagni e cucine, sostituendo così il tradizionale rivestimento in ceramica delle pareti. Grazie alla qualità delle resine acriliche, questo tipo di pittura possiede anche un ottimo livello di lavabilità. Per questo ne è consigliato l'uso in ambienti soggetti allo sporco, come vani scale e autorimesse.
  • Antimuffa e anticondensa: pitture in grado di combattere le varie cause delle muffe. Prima di intervenire con queste ènecessario però pulire e ripristinare le superfici rivestite da muffe o batteri. Per questo e'  opportuno utilizzare prodotti specifici, dotati di particolari agenti chimici, che risanano le superfici murali. Per gli ambienti ad alta concentrazione di vapore si usano pitture murali antimuffa, capaci di proteggere dall'inquinamento batterico. Nel caso di dispersioni di calore attraverso le pareti (altra causa scatenante della muffa), si usa un rivestimento a spessore, termoisolante all'acqua, a base di cariche espanse, che inibisce la formazione delle efflorescenze.
TOP